Le origini di: #10YearsChallenge

Le origini di: #10YearsChallenge

Ogni giorno nel web nascono nuovi meme, challenge, trend.

#10yearschallenge è l’ultimo esempio di viralità che ha coinvolto milioni di persone nelle diverse piattaforme Social. La sfida consisteva nel pubblicare una fotografia risalente al 2009 accanto ad un’immagine attuale, per mostrare i cambiamenti avvenuti in dieci anni.

Quando si verificano questi fenomeni risulta sempre piuttosto complicato risalire all’origine, il profilo che per primo ha lanciato l’hashtag. Questo trend nasce in gennaio da Facebook, ed in origine era chiamato “How hard did aging hit you?” (quanto impatto ha avuto su di te l’invecchiamento?). Uno dei primissimi utenti, forse il primo in assoluto ad aver postato la versione primordiale del challenge, è stato il meteorologo Damon Lane, al quale sono seguiti milioni di utenti da tutto il mondo.

La #10yearschallenge ha coinvolto anche personaggi famosi, come di consueto, aumentando esponenzialmente la notorietà della sfida e contribuendo alla sua viralizzazione.
Una giornalista di Wired, Kate O’Neill, ha osservato questo tipo di fenomeno da un punto di vista differente, suggerendo agli utenti che questa challenge potrebbe celare un obiettivo ben preciso, che non ha nulla a che fare con il divertimento.

Il sospetto della giornalista riguarda l’utilizzo delle fotografie: secondo l’autrice sarebbero dati molto utili per migliorare i software di riconoscimento facciale. In poche parole ha sollevato un dubbio, ossia che l’obiettivo della challenge sia acquisire informazioni in grado di perfezionare gli algoritmi di riconoscimento facciale, in particolare sull’aspetto dell’invecchiamento. Un dubbio certamente difficilmente risolvibile, ma che ha subito riscosso l’approvazione di una buona parte degli utenti delle diverse piattaforme Social. Questo filone di pensiero dimostra che le persone mantengono quindi un alto grado di sospetto verso le piattaforme che dominano il web, forse aumentato a seguito degli scandali di data breach dello scorso anno.

Questa challenge ha tuttavia fornito un’ottima occasione per comunicare un tema sociale di grade importanza: il cambiamento climatico. Numerosi utenti hanno infatti sfruttato #10yearschallenge per mostrare le situazioni dove l’impatto umano sulla natura ha avuto i maggiori effetti negativi. In particolare le immagini delle zone polari mostrano una riduzione delle aree ghiacciate, ma anche la desertificazione di grandi aree, la deforestazione, il degrado delle barriere coralline. Allo stesso modo sono state mostrate immagini che descrivono gli effetti positivi derivanti dall’attività di tutela del territorio e dell’ambiente naturale. Queste pubblicazioni hanno spostato l’attenzione dalla socialità alla responsabilità sociale, con l’intento di aumentare la consapevolezza sugli effetti a breve e lungo termine dello sfruttamento delle risorse naturali e dell’inquinamento, sensibilizzando gli utenti riguardo un tema di primaria importanza.