logo propaganda3

Circle to Search: Google ci porta nel futuro delle ricerche online

Nell’ecosistema digitale del 2024, l’accesso all’informazione è più che mai alla portata di un tocco.

Quando parliamo di ricerche online, spesso non ce ne rendiamo conto, ma oggi possiamo compiere in un decimo di secondo alcune azioni che erano impensabili anche solo 10 anni fa. E uno dei principali artefici di questa vertiginosa evoluzione è sempre lui, il solito sospetto: Mr. Google.

Prima la ricerca vocale, poi gli smart speakers, successivamente l’intelligenza artificiale di Gemini e ora Google Circle to Search. Che il buon Google fosse diventato sempre più dominante negli ultimi anni ce ne siamo accorti tutti.

Ma per chi di noi ama anche presentare dei dati per validare un’opinione, allora eccoli qui, pronti all’uso: nel 2022, Google Chrome è il browser più popolare in tutti (T U T T I) i Paesi del mondo, ad eccezione della Guinea Equatoriale, del Belize, del Principato di Andorra e… della Groenlandia.

Most used browser worldwide 2024

Fonte: Reddit.

Ora Google ha fatto un ulteriore passo avanti introducendo “Circle to Search” sui più recenti dispositivi Android, come il Google Pixel 8 e il Samsung Galaxy S24.

Questa funzionalità, che sfrutta l’intelligenza artificiale per semplificare e rendere più intuitiva la ricerca di informazioni online, segna il vero e proprio inizio di una nuova era.

 

Che cos’è Google Circle to Search?

Circle to Search è l’innovativa funzionalità di Google che permette agli utenti di cercare informazioni direttamente dallo schermo del proprio dispositivo Android, semplicemente disegnando un cerchio (Circle) attorno all’oggetto di interesse.

Che si tratti di un prodotto in una foto, di un testo in un articolo, o di un luogo in un video, questa funzione apre infinite possibilità di esplorazione per una ricerca rapida e intuitiva che, attraverso l’AI, riesce a restituire all’utilizzatore il risultato più pertinente nel giro di pochi secondi.

circle to search google ricerche online

 

Come funziona Circle to Search

Il funzionamento di Circle to Search è estremamente semplice. Gli utenti possono attivarlo con gesti naturali come circondare un oggetto con il dito, evidenziare o fare uno scarabocchio su ciò che li incuriosisce, e l’intelligenza artificiale di Google farà il resto.

Google, tramite i suoi avanzati algoritmi AI, riconosce immediatamente l’elemento selezionato e fornisce informazioni dettagliate, collegamenti pertinenti o opzioni di acquisto, il tutto senza necessità di cambiare app.

Facendo un esempio pratico, se mentre stiamo guardando un video-tutorial di cucina vediamo che il/la creator usa una salsa di chili piccante, possiamo usare la funzione Circle to Search per cercare quel determinato prodotto, oppure chiedere a Google di suggerirci altre ricette che usano la salsa di chili piccante come ingrediente.

 

Come abilitare Circle to Search su dispositivo Android

Prima di poter iniziare a utilizzare Circle to Search su dispositivo Android, è necessario assicurarsi che la funzione sia abilitata.

Prendendo come esempio la configurazione di un Galaxy S24, quando si preme a lungo il tasto Home o la barra di navigazione (a seconda che si utilizzino i tasti o la navigazione gestuale) viene visualizzato un messaggio con due opzioni: Assistente Google o Circle to Search. Da qui, sarà possibile impostare il “Cerchia e Cerca” (secondo la traduzione italiana) come l’opzione predefinita.

Ci sono alcune differenze significative tra dispositivi con navigazione basata su pulsanti e dispositivi con navigazione a gesti. Mentre per i primi, come detto, la funzione verrà attivata tenendo premuto il pulsante Home, per i secondi è stata introdotta una nuova scorciatoia, che attiva l’interfaccia di Circle to Search tenendo premuto l’indicatore di gesto (o “pillola”) nella parte inferiore dello schermo.

 

Perché è rivoluzionario? Le applicazioni pratiche

Circle to Search è rivoluzionario perché trasforma il modo in cui interagiamo con il nostro dispositivo e con l’informazione stessa. Fornisce una soluzione immediata alla curiosità dell’utente, eliminando le interruzioni e migliorando l’esperienza di navigazione.

Gli utenti possono ad esempio scoprire in tempo reale dettagli su un prodotto desiderato visto in un video, ottenere definizioni e approfondimenti su concetti o parole, esplorare luoghi e attrazioni turistiche direttamente da immagini o clip, e molto altro ancora.

Questa immediata accessibilità all’informazione apre ad una miriade di applicazioni pratiche nella vita di tutti i giorni e rende l’apprendimento e la scoperta più fluidi e naturali che mai.

 

L’importanza della SEO in un mondo “Circle to Search”

Per i professionisti SEO e i content creator, Circle to Search rappresenta un nuovo territorio da esplorare. L’ottimizzazione dei contenuti dovrà tenere conto non solo delle parole chiave, ma anche della rilevanza visuale e del contesto in cui appaiono immagini e video.

Integrare strategie SEO mirate a questo tipo di ricerca consentirà di aumentare la visibilità e di catturare efficacemente l’attenzione degli utenti in questo innovativo scenario. Questo include l’ottimizzazione per le ricerche visive e l’uso intelligente di metadati per assicurare che i contenuti siano facilmente identificabili e categorizzabili dall’AI di Google.

Gli esperti SEO dovranno quindi monitorare le tendenze di ricerca emergenti e adattare continuamente le loro strategie per anticipare le esigenze degli utenti e offrire risposte precise e contestualmente rilevanti.

google seo search engine optimization

 

Considerazioni finali

Lanciato all’inizio del 2024, Circle to Search ci invita a ripensare il modo in cui accediamo all’informazione, rendendo ogni ricerca un’esperienza fluida, intuitiva e incredibilmente personale. Con l’evolversi dell’intelligenza artificiale e delle tecnologie di riconoscimento, Google continua a dimostrare che il futuro dell’informazione è letteralmente nelle nostre mani.

Questa grande innovazione di Google rappresenta una modalità più intuitiva e integrata per soddisfare la curiosità degli utenti.

In sintesi: Google Circle to Search rappresenta una finestra verso il futuro della ricerca online.

 

What’s next?

Vuoi rimanere aggiornato/a sugli sviluppi di Google Circle to Search e su altre notizie dal mondo digital?

Iscriviti alla nostra newsletter qui sotto per monitorare il nostro MAG oppure segui le nostre pagine sul social che preferisci:

Quello Fucsia tutto *aesthetic*

Quello dei Boomer (scheeerzo)

Quello del: Ma Quanto Siamo PPPROFESSIONAL?

WE WANT YOU!

Ma solo se vuoi anche tu.
Siamo l’unica Propaganda che stimola i cervelli.
Scopri le novità e i trend del momento nella nostra newsletter.

autore

Redazionali
Condividi

Articoli correlati

Inquinamento Digitale: cos’è, cause e impatto della Digital Pollution

Viviamo in un’era in cui il digitale è onnipresente, ma raramente ci…

Leggi di più

L’etica della UX: tra trucchi psicologici e design inclusivo

Spesso si parla di User Experience (UX) e di come esistano dei…

Leggi di più

25 anni di spot: le pubblicità italiane più iconiche dal 1997 al 2022.

Pubblicità, spot, annuncio, propaganda, réclame. Tanti nomi diversi per descrivere la stessa…

Leggi di più